L’articolo su Repubblica online del 28 marzo 2018